Vai al menu principale Vai al contenuto principale

Ti trovi in:

Per cosa serve la
Certificazione verde COVID-19

Dal 1 maggio 2022 il green pass è necessario soltanto per accedere come visitatori ai reparti di degenza delle strutture ospedaliere e RSA. È ancora utile per permanere come accompagnatori di pazienti non Covid-19 nelle sale di attesa di pronto soccorso, strutture sanitarie e sociosanitarie. Fino al 31 maggio, inoltre, continua a rendere più semplice l'ingresso dei viaggiatori in Italia.

Dal 1 luglio 2021 la Certificazione verde COVID-19 è valida come EU digital COVID certificate e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell'Unione europea e altri Paesi europei come Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra e Principato di Monaco.

Il Regolamento europeo sulla Certificazione verde COVID-19 - EU digital COVID certificate, approvato il 9 giugno 2021 dal Parlamento europeo, prevede che gli Stati dell’UE non possano imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di certificati - come quarantena, autoisolamento o test - a meno che “non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica”.

La Commissione europea ha creato una piattaforma tecnica comune (Gateway europeo), attiva dal 1 giugno 2021, per garantire che i certificati emessi dagli Stati europei possano essere verificati in tutta l'UE.

La Certificazione verde COVID-19 del viaggiatore deve attestare una delle seguenti condizioni:

  • aver completato il ciclo vaccinale prescritto anti-SARS-CoV-2;
  • oppure essere guariti da COVID-19;
  • oppure aver fatto un tampone molecolare o antigenico rapido con esito negativo.

Ingresso in Italia

Ai fini dell’ingresso in Italia rimane ferma la validità dei certificati UE di vaccinazione prevista dai relativi Regolamenti europei di 9 mesi (270 giorni).

Chi viaggia o fa rientro da un Paese europeo in Italia e non ha un green pass valido da vaccinazione o guarigione o tampone ha l’obbligo di sottoporsi ad isolamento fiduciario di 5 giorni e di sottoporsi a un test molecolare o antigenico alla fine di questo periodo.

Attenzione. La Certificazione non è un documento di viaggio. Le evidenze scientifiche sulla vaccinazione, sui test e sulla guarigione da COVID-19 continuano a evolversi, anche in considerazione delle nuove varianti del virus. Prima di metterti in viaggio, controlla le misure di salute pubblica applicate nel luogo di destinazione e le relative restrizioni.

Per saperne di più consulta:

Fino al 31 dicembre 2022 la Certificazione verde COVID-19 è obbligatoria per: 

  • la permanenza degli accompagnatori dei pazienti non affetti da COVID-19 nelle sale di attesa dei dipartimenti di emergenza e accettazione, dei reparti di pronto soccorso e dei reparti delle strutture ospedaliere, dei centri diagnostici e dei poliambulatori specialistici;
  • la permanenza nelle strutture sanitarie e sociosanitarie degli accompagnatori di pazienti con disabilità gravi o di soggetti affetti da Alzheimer o altre demenze o deficit cognitivi certificati. È sempre consentito agli accompagnatori di tali soggetti prestare assistenza, anche nei reparti di degenza e di pronto soccorso, nel rispetto delle indicazioni del direttore sanitario della struttura;
  • l’accesso dei visitatori ai reparti di degenza delle strutture ospedaliere, alle strutture residenziali, socioassistenziali, socio-sanitarie e hospice;
  • le uscite temporanee delle persone ospitate presso strutture di ospitalità e lungodegenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, strutture residenziali socioassistenziali e altre strutture residenziali.

Consulta la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass "base" e con green pass "rafforzato” per essere sempre aggiornato sulle nuove disposizioni. Vai a governo.it

Riferimenti normativi

Consulta la tabella delle attività consentite senza green pass, con green pass "base" e con green pass "rafforzato”. Vai a governo.it: apre una nuova finestra su governo.it

Esenzioni

Alcune categorie di persone sono esenti dall'obbligo di Certificazione verde COVID-19.
Scopri di più su Esenzione da vaccinazione